0 Shares 950 Views

Educazione sessuale: perché non parlarne con i propri bambini?

Dic 11, 2016
0 951

“L’educazione sessuale è più di un corso di biologia.”

Questa frase detta da Barbara Berger, direttrice di Salute Sessuale svizzera, apre uno scenario un po’ preoccupante. Il divario tra chi sa troppe cose sulla sfera sessuale e chi è talmente ingenuo da trovarsi in situazioni ambigue, è davvero ampio! Ragazzini o ragazzine che non conoscono affatto il mondo della sessualità, confondono gesti, scambiano affetti e amicizie ed un bacio, può non significare nulla o, essere atto di paura! Basterebbe fare un po’ di attenzione e prendersi un po’ di responsabilità nei confronti dei figli.

Molti genitori sono bravi a delegare la scuola, gli insegnanti, gli educatori. Ma perché, visto che lo sviluppo arriva molto più precocemente, non dedicare un po’ di tempo ai propri bambini (o ragazzini) ed iniziare a spiegare loro che c’è qualche differenza tra maschietti e femminucce? Perché non seguire con loro un percorso di educazione sessuale, a tappe, informandosi da esperti che possono suggerire la modalità migliore per affrontare argomenti delicati?

È vero, molti ritengono “tabù” l’educazione sessuale. Questo perché nell’infanzia di  molti genitori, non c’è mai stato spazio per sensibilizzare ed educare alla dimensione sessuale personale. Anzi, molto spesso i discorsi, erano ridotti a poche parole, dette di sfuggita, prima della vita al di fuori dalla casa dell’infanzia. Così, a loro volta, divenuti padri e madri, ripropongono gli stessi silenziosi schemi, a discapito di chi ha necessità di conoscere la verità.

Ma insomma! Oggi viviamo in una società assolutamente pronta a compiere passi da gigante! Un po’ di buona volontà nell’investire del tempo per i propri figli. Non deviare le domande precoci sulla sfera sessuale ma cercare di rispondere in modo adeguato all’età del bambino, senza andare troppo in là, per non allarmarlo, ma nemmeno congedarlo con “sei ancora troppo piccolo”. Quando meno ce lo si aspetta, i bambini ci sorprendono. E con un po’ di amarezza, veniamo a sapere che le cose le sanno e non per merito nostro! Magari è stata opera di qualche video, di qualche amichetto, della televisione.

Non corriamo il rischio di perderci un momento di crescita fondamentale del nostro bambino! Non torna più e, abbiamo l’occasione di metterci in discussione con lui, insieme a lui. La formazione relativa all’educazione sessuale permette di stabilire un rapporto genitori – figli molto forte. Trattando argomenti così delicati e di primaria importanza, si incrementa la fiducia nelle relazioni interne alla famiglia. Di conseguenza, le interferenze dal mondo esterno potranno essere moderate con più facilità.

Seguendo questa strada, i bambini, divenuti più grandicelli, sapranno qual’è il giusto valore di ogni gesto e della sessualità!

You may be interested

La Commedia Divina: con Lucilla le Alte Vette in una Narrazione senza Tempo

Redazione - Ott 23, 2020

"Nel mezzo del cammin di Nostra Vita" ... che è il mio, che è il tuo! Ed in questo cammino sono ferma, sei…

Il Virtuosismo scomposto in mille tasselli di Ungheria

Redazione - Ott 20, 2020

L'identità di un popolo viene incontro attraverso ballerini che tengono alto un foglio bianco e lo spezzano in tanti tasselli, creando coriandoli di…

Tra fiori di Ibisco, candore di pavone e vocalizzi da Saloon: il Maestro Morricone

Redazione - Ott 19, 2020

E come emozione. E come Ennio Morricone. E come empatia. Si sente la paura ed il timore aleggiare in una sala di teatro…

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Most from this category