0 Shares 1501 Views

Donne, mamme e web: lavorare e navigare in sicurezza!

Mar 15, 2017
0 1502

Con l’avvento dei potenti strumenti tecnologici, la dimensione lavorativa e di svago si fonde sempre di più con il mondo virtuale, il mondo del web. Una parola chiave importante dettata dal buon senso e dalla cronaca odierna è “sicurezza”. Per parlare di questo argomento rivolgiamo alcune domande fondamentali all’Avvocato Ruggiero, avvocato libero professionista che, nella sua esperienza ha avuto modo di occuparsi di questioni informatiche.

Donne, mamme e web: cosa suggerisce questo trinomio?

Certamente le opportunità di crescita professionale mediante il web sono davvero importanti per donne e mamme che talvolta per praticità si trovano a lavorare ovunque…tanto basta un tablet, un Ipad, uno smartphone o un piccolo pc ed una connessione Internet!

L’altra situazione da prendere in esame è che quando si ha un po’ di tempo libero, con o senza bambini e famiglia, ci si concede un po’ di svago molto spesso sul web navigando tra Social e siti. In entrambi i casi, guadando i mari immensi della rete si conoscono tante persone. Questo fatto non sempre dà frutti positivi in quanto si evidenziano casi di donne e talvolta mamme che cadono nelle trappole di persone che sul web giocano e truffano. Attirate da certe tipologie di profili iniziano una sorta di relazione virtuale, aiutandosi con webcam, chat, fotografie digitali non rendendosi conto del pericolo nascosto: la dipendenza da una persona sconosciuta!

Lei parla di dipendenza virtuale: appare strano pensare che annullando spazio e tempo si possa diventare vittime di qualcuno

È proprio così! Chi crea profili falsi, in tal caso si tratta di persone, principalmente uomini, che richiedono amicizie, costruiscono foto ad hoc, attirano con frasi o commenti le proprie vittime, fanno leva sullo scudo virtuale.

Nel mondo del web non c’è tempo e non c’è spazio ed è facile attirare donne con qualche accorgimento o stratagemma. Nel giro di poco infatti si instaura una relazione: romantica per la donna, di completo dominio per l’uomo che la soggioga.

Il dominio e la dipendenza si traducono in richieste di soldi per spese inventate dal “dominatore”. Questo termine così forte è perfetto per descrivere la relazione che si è creata: la donna, e anche alcune mamme, in un periodo difficile si rifugiano in questo labirinto, dapprima uno spazio tutto per sé, nascosto e luccicante e poi, un incubo!

Le donne che si ritrovano in questo labirinto cosa possono fare per difendersi?

Denunciare! Questa è la parola d’ordine. Innanzitutto bloccare tutti i contatti con il profilo da cui si sta subendo la truffa e scegliere sin da subito la strada della giustizia. Solo così ci si può riscattare, venire tutelati e difesi. Le modalità presenti ad oggi sono dettate dalla Polizia Postale. Attraverso il sito commissariatodips.it è possibile compilare il modulo di denuncia online (sezione Collabora) e con questo documento recarsi all’ufficio di Polizia Postale per rendere legale la denuncia.

Ricordo che la Polizia Postale si occupa di un ampio spettro di problematiche e reati relativi al web (truffe virtuali, hacking, cyberterrorismo, pedopornografia…).

Cosa consiglia alle donne che navigano sul web ed in generale a tutti quelli che usufruiscono di questo strumento?

Attenzione, sicurezza e buon senso: le tre parole per navigare sul web. Aggiungo anche che è molto meglio una passeggiata con amici, amiche, famiglia, un po’di shopping, una serata al cinema, tanti momenti di dialogo e riflessioni… sono strumenti potenti che danno spazio a relazioni, tempo per conoscere se stessi e gli atri in modo più profondo e concreto, ben consapevoli dell’importanza di spazio e tempo!

You may be interested

Hair: capelli sciolti e irriverenti per creare speranza

Redazione - Gen 14, 2022

Quando si parla di speranza la gente risponde. Quando c'è il bello, non si può starsene in disparte, si viene attratti, si viene…

L’ascoltare di Enrico: un’azione del cuore per portare a tutti la Musica

Redazione - Dic 17, 2021

Un braccio levato, apparentemente ingessato in un tessuto inamidato, bianco, il profilo cupo attorniato da penombre. In realtà è il richiamo della concentrazione,…

Boomerang: quel legno piegato che ritorna

Redazione - Dic 15, 2021

Bu-mar-rang, in una lingua appartenente ad una delle molte tribù aborigene. Ma questo strumento non era diffuso solo in Australia. Molti studi archeologici…

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Most from this category