0 Shares 80 Views

Voglio andare sulla Luna, Io, e Tu?

Ott 31, 2021
0 81
_GOF2828-2

Voglio andare sulla Luna!

Ho cercato di convincere tutti i medici che il mio fisico regge all'impatto della partenza della navicella spaziale, regge a quel periodo senza la gravità terrena!

Voglio gridare ai medici che regge quel dannatissimo cuore nonostante abbia ventricoli capaci di ballare e giocare a volano a loro piacimento.

Fosse l'ultima cosa che faccio, voglio andarci sulla Luna e poi, ma sì, che il cuore scoppi pure!

In fondo cosa sono? Un esperimento. Un campione di prova. Un pensiero inconcluso. Una effimera protuberanza di qualche sinapsi. Un essere inutile la cui esistenza è stata decisa davanti ad una sbronza indimenticabile. Ah doveva essere una di quelle vite da Kolossal Ed invece? Nemmeno la parte del suggeritore!

Tu che amar non sai,

tu che amar non puoi,

sei stregata dall'amor. *

Sono qui a trascinare il carrello delle pulizie come se fossi il capitano di una grande nave, con un enorme albero maestro, l'àncora più possente mai forgiata! Che stupida! Ammiro questo spazzolone al pari del tridente di Poseidone! Ah, fossi capace di ammaestrare le acque, potessi dividerle con il tocco di un bastone, svuotare l'intera terra dal bacino di acqua ed elevarmi fino alla Luna! Così potrei essere un Ricordato! 

Sono gli occhi tuoi

freddi più che mai,

ma che febbre nel tuo cuor.*

Mia madre, nata anche lei ed illusa allo stesso modo! Me lo diceva sempre, di pensare a chi ci vuole bene, così non lo dimentichiamo, non evapora, non si confonde nell'aria! Sì, mia madre è sulla Luna, ancora per poco però! Solo io oramai la penso, nessun altro! Perché tutti gli altri amici, nati da intere domeniche insignificanti trascorse davanti ai tasti di pianoforte, fumando narghilè, conversando improbabilmente, ora sono diventati molecole gassose. Esperimenti effimeri anch'essi. Insignificanti. Forse presuntuosi. Meritevoli però di una possibilità.

Ma Lui, non ha elargito tale grazia. Ha mandato avanti altri personaggi. Mia madre, i suoi amici, io, no. Non eravamo all'altezza.

Hai sulle labbra quei baci

che non dai e che non vuoi,

nel desiderio che giammai si spegnerà.*

Chissà se almeno per un momento ci ha voluto bene, mi ha voluto bene. Glielo vorrei domandare, ma a che servirebbe! Solo a far aumentare le possibilità di aritmie. E questo i medici non lo vogliono.

A chi posso domandare: “mi vuoi bene?”. Esiste qualcuno che può volermi bene?

Lì, sulla Luna, c'è l'ultimo ricordo di mia madre. Ci voglio andare.

Proprio ieri una compagnia di giovani ballerini annunciava uno spettacolo acrobatico e, le tecniche di salto impiegate per danzare, sono le medesime di chi si allena per andare sulla Luna.

Basta avere un appoggio, il sellino della bicicletta, il piano di uno sgabello, sono sufficienti!

Tu che amar non sai,

tu che amar non puoi,

sei stregata dall'amor.*

Sto perdendo la memoria oltre che i battiti del cuore! Non ricordo davvero...inzia con la lettera... oh, sì “K” di koala! Ma quei danzatori così bravi e posati non avevano nessun simbolo associato a quel tenero bricconcello australiano. K, k... ma certo Kataklò!

Potrei chiedere delle lezioni a loro! Solo che portando con me la bici appena hanno visto una due ruote argentea e fiammante, quei ragazzi se la sono data a gambe!

Loro vogliono diventare importanti, giustamente, devono scoprire il mondo, trovare il senso di un'esistenza per cui non avvertire l'inadeguatezza, la routine dello "svegliarsi-fare tante cose-prendere sonno"!

Mi hanno lasciato il biglietto da visita di un loro Insegnante, Tonino. Mi hanno suggerito oltretutto di confidarmi con Titina, lei chiede la stessa cosa da chissà quanto tempo!

L'insegnante Tonino, che è anche il marito o compagno (tutto questo me lo sussurrano quei baldi giovani e le aggraziate fanciulle di Kataklò), propone un indovinello da risolvere per compiere il viaggio sula Luna! Titina deve essere disposta a lasciare qualcosa...

Questo qualcosa nessuno lo sa.

Sulle due ruote i ragazzi se ne vanno, sono acrobati splendidi. Il mio cuore sibila, meglio affrettarsi.

Penso all'indovinello.

Oh, Tonino, Titina... quanto ci avete anticipato? Sapete bene che per giungere alla Luna si deve lasciare la propria fragilità. Dovrò lasciare qui questo cuore di carne, ne avrò un altro?

Aspettatemi prima di andare, su quel veliero che avete costruito, ci salgo anche io. Voglio andare sulla Luna. Là c'è l'eternità.

Quel cappello che indossavano Tonino e Titina provocava paura. D’altronde dovevo provarci, io sulla Luna volevo metterci cuore e piedi. Ci vuole passione per la vita che non ha inizio, che non ha fine.

Sì, c’è solo l’infinita passione per la vita.

 Tu sei stregata dall’amor.*

Si ringraziano il Teatro Giuditta Pasta di Saronno e l’attento ed eroico direttore Oscar Masciadri, la Compagnia di Ballerini Kataklò e la Compagnia Teatro Blu di Cadegliano con Silvia Priori e Roberto Gerbolés per questo tributo straordinario al Maestro Fellini e per aver acceso ancora la Speranza e il Sorriso.

erica g.

[* n.d.r : dalle musiche di Nino Rota per il film “La strada” –  regia di F. Fellini]

You may be interested

Daniele Vallet ed il suo primo Perché: divertirsi

Redazione - Nov 26, 2021

 "Daniele quale è il tuo primo perchè? Perché nove mesi in bicicletta, senza nessun agio, vivendo solo di ciò che il giorno e…

A dialogare con Violetta e Camelie: non sono solo storie!

Redazione - Nov 09, 2021

Dicono così, gli esperti d'arte. Patrimonio dell'Unesco. So che nessuno di loro avrebbe potuto sostituirsi in questo ingrato compito! Attraversare mezzo tratto di…

Padri, figlie, partenze, favole e realtà

Redazione - Ott 17, 2021

Ah! Mi pare assurdo scrivere queste due parole. Nero su bianco, aggettivo e sostantivo, qualità e soggetto, vincolo e appartenenza, storia e domani,…

Most from this category